Home Sassuolo Sarà intitolata a Giorgio Squinzi la strada d’accesso al Mapei Football Center...

Sarà intitolata a Giorgio Squinzi la strada d’accesso al Mapei Football Center di Sassuolo







Sarà intitolata a Giorgio Squinzi la strada di accesso al “Mapei Football Center” di prossima realizzazione. Lo stabilisce la Delibera di Giunta n°17 in corso di pubblicazione all’Albo Pretorio, approvata all’unanimità da tutta la Giunta del Comune di Sassuolo. Naturalmente l’intitolazione della strada sarà effettuata solamente a seguito dell’autorizzazione del Prefetto, ai sensi della Legge 23.06.1927, n. 1188, della quale sono rispettati i dettami.

“Premesso che – si legge nella delibera – è compito esclusivo dell’Amministrazione Comunale l’attribuzione della numerazione civica e della toponomastica, curando che le nuove denominazioni rispettino l’identità culturale e civile della città, i toponimi tradizionali, storici o formatisi spontaneamente nella tradizione orale; la scelta dell’intitolazione di strade, aree, ed edifici, o porzione di tali, debba ricadere preferibilmente su nomi di personaggi, o categorie di persone, che si siano distinte in campo civile, professionale od artistico, di cui si intende onorare e perpetrare la memoria. Occorre provvedere all’assegnazione della toponomastica a nuove aree di circolazione, venutasi a creare nell’assetto territoriale del Comune di Sassuolo dalla realizzazione delle opere di urbanizzazione all’interno di un PUA, in fase di attuazione, ed attualmente privi di denominazione e precisamente il Comparto Ca’ Marta Nord”.

“Giorgio Squinzi – afferma il Sindaco di Sassuolo Gian Francesco Menani – ha accompagnato con la sua azienda la crescita di tutto il distretto ceramico e, negli ultimi anni, ha reso possibile la realizzazione di un sogno come quello di portare la nostra città a calcare i campi di serie A ed addirittura in Europa League. Una persona a cui tutta sassuolo è legata ed è per questo l’intitolazione della strada che conduce alla sua creatura Mapei Football Center ci è sembrato un doveroso atto di ringraziamento”