Home Appuntamenti “L’Elsa non dimentica”, a colloquio col magistrato Marco Imperato (con diretta su...

“L’Elsa non dimentica”, a colloquio col magistrato Marco Imperato (con diretta su Sassuolo2000)







L’Istituto Elsa Morante di Sassuolo organizza una conferenza on line per parlare di legalità. Introdurranno i lavori il D.S. dell’Istituto prof. Edoardo Piparo, il referente provinciale dell’associazione Libera Maurizio Piccinini e l’assessore alla pubblica istruzione sassolese Corrado Ruini.

All’I.I.S. Elsa Morante di Sassuolo si parla di legalità e di memoria, il prossimo 22 maggio 2020, alle ore 18:00, assieme al magistrato Marco Imperato, sostituto procuratore a Bologna, dopo essere stato molti anni a Modena e prima ancora a Marsala. Una videoconferenza che vedrà come mediatore Claudio Corrado, e sarà tramessa sul profilo Facebook di Sassuolo2000.it che ospita questa iniziativa sui temi della convivenza civile e della cittadinanza attiva e consapevole.

Un tema, quest’ultimo che da sempre è al centro delle attività progettuali dell’Elsa Morante, e che da due anni è anche oggetto delle prove dell’Esame di Stato conclusivo del secondo ciclo di formazione.

La situazione attuale e la quarantena per il Covid 19, appena conclusa nelle sue fasi più rigide, non devono fermare l’impegno civile delle scuole: “Siamo un presidio importante – spiega il dirigente Edoardo Piparo – ed in alcune aree del Paese, rappresentiamo per i più giovani e per le loro famiglie la presenza dello Stato in luoghi dove l’antistato vorrebbe dominare. La cultura della legalità deve far parte del curricolo scolastico dei nostri ragazzi: la presenza della scuola in questa fase difficile passa dalla didattica on line, che nel nostro Istituto si sta portando avanti fin dalla prima ora, ma anche da momenti di riflessione collettiva su tematiche importanti, – conclude il dirigente – come quella della cittadinanza attiva e consapevole, aprendosi alla collaborazione con il territorio e gli enti locali. Ringrazio in primo luogo il Dott. Imperato, e poi il Comune di Sassuolo e l’associazione Libera per aver accettato l’invito a partecipare alla nostra iniziativa”.