Home Appennino Modenese Buoni spesa per emergenza: è possibile contattare i servizi sociali del proprio...

Buoni spesa per emergenza: è possibile contattare i servizi sociali del proprio Comune per farne richiesta







È stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale del 30 marzo 2020 l’Ordinanza della Protezione Civile che dispone le risorse per adottare le misure di solidarietà alimentare da destinare ai cittadini e la loro ripartizione ai vari Comuni. L’Ordinanza dà seguito al DPCM del 29 marzo 2020 che ha rideterminato, incrementandola, la dotazione del Fondo di solidarietà comunale 2020, per aiutare appunto i Comuni a mettere in campo interventi di sostegno alimentare alle famiglie più gravemente colpite dall’emergenza Coronavirus.

Ammontano a circa 600.000 euro i finanziamenti statali che l’Unione dei Comuni del Distretto ceramico potrà distribuire negli otto Comuni (Fiorano modenese, Formigine, Frassinoro, Maranello, Montefiorino, Prignano e Sassuolo) in buoni spesa o generi alimentari per le famiglie in difficoltà.

I servizi sociali stanno acquisendo l’elenco dei negozi presso i quali ci si potrà rivolgere utilizzando buoni spesa o carte prepagate; in alternativa l’importo del buon potrà anche essere versato sul conto corrente del richiedente. L’elenco dei negozi aderenti sarà presto disponibile sul sito Internet dell’Unione.

Per quanto riguarda le modalità di accesso, è necessario rivolgersi telefonicamente o via mail allo Sportello sociale del proprio Comune di residenza (i contatti sono presenti sui relativi siti Internet e sul sito dell’Unione Distretto Ceramico). Seguirà un colloquio telefonico con un assistente sociale e si dovrà compilare un semplice modulo per la domanda, che sarà presente sul sito per scaricarlo o che si potrà compilare anche on line.

I finanziamenti possono essere erogati anche alle organizzazioni del Terzo Settore o alle Caritas che già prendono in carico le famiglie in difficoltà economica.

Già da ora sono disponibili buoni spesa per le situazioni urgenti, per le quali si invita a contattare lo Sportello sociale del Comune di residenza.