Home Fiorano “FabLab & Friends”, parte da Fiorano Modenese il nuovo progetto su tecnologie...

“FabLab & Friends”, parte da Fiorano Modenese il nuovo progetto su tecnologie e sociale






La tecnologia alla portata di ragazzi e adulti con disabilità, handicap o fragilità. È questa la scommessa del progetto pilota “FabLab & Friends”, ideato dall’Amministrazione comunale fioranese, nell’ambito delle politiche sociali dell’Unione dei Comuni e indirizzato agli utenti di diverse associazioni del distretto ceramico.

Il progetto, che sta prendendo il via presso il FabLab Junior di Casa Corsini col supporto dell’associazione Lumen che organizza i laboratori, è finanziato da un’altra associazione non profit, il Club Amici di Fiorano che durante il periodo natalizio, con l’attività del proprio stand, ha raccolto fondi da destinare a progetti di volontariato ed ha donato 750 euro per questa iniziativa.

“Già nelle scorse settimane – spiegano gli organizzatori – gli operatori delle associazioni e delle cooperative sociali coinvolte nel progetto e attive nel territorio dell’Unione dei Comuni del Distretto ceramico hanno visitato il FabLab Junior e preso parte a un momento di formazione. Da marzo ogni associazione o cooperativa potrà partecipare ad un appuntamento, su prenotazione, per sviluppare un laboratorio per i propri utenti. L’affiancamento sarà garantito da un operatore del FabLab Junior. Vogliamo valutare le potenzialità della struttura in risposta a questo tipo di esigenze e nel contempo dare una nuova opportunità a soggetti attivi sul territorio con progetti importanti per la collettività”.

Il FabLab Junior è un ambiente nato per sviluppare laboratori STEAM education (Science, Technology, Engineering, Arts and Mathematics) per bambini e ragazzi, ma la facilità di utilizzo dei kit tecnologici permette la realizzazione di laboratori anche per altri tipi di utenze, magari con disabilità o fragilità.

“Alla base di FabLab & Friends – spiega Luca Busani, assessore alle Politiche sociali, del lavoro e della salute del Comune di Fiorano Modenese, promotore dell’iniziativa – c’è un percorso virtuoso che nasce dal volontariato e sfocia nel sociale, a beneficio della comunità. Un’associazione che raccoglie fondi grazie al proprio lavoro e li mette a disposizione di una struttura per aprirla a nuove utenze del sociale: sono elementi del volontariato che si saldano, che collaborano per dare risposte e fare innovazione sociale. C’è una capacità di dare risposte in termini di sussidiarietà che da sempre contraddistingue il nostro territorio e che ne rappresenta un valore e una specificità. Per questo a nome di tutti voglio ringraziare i volontari del Club Amici di Fiorano per il loro operato: Giancarlo Purpura, Sebastian Pini, Gianni Gabrielli, Daniele Zanini, Angelo Silvestri, Gianluca Rosato, Luca Ruzzo, Simona Iannuzzi, Chiara Donadelli, Lorella Gariselli”.