Home Formigine Formigine, Consiglio Comunale del 28 febbraio: approvata mozione di dichiarazione d’emergenza climatica...

Formigine, Consiglio Comunale del 28 febbraio: approvata mozione di dichiarazione d’emergenza climatica e ambientale






Si è tenuta al castello ieri sera giovedì 27 febbraio la seconda seduta dell’anno del consiglio comunale di Formigine. In apertura il Sindaco Maria Costi ha voluto informare i consiglieri sulla situazione locale legata all’emergenza virus Covid-19 e alle iniziative intraprese per attuare i provvedimenti delle autorità competenti e sovraordinate, tutelare cittadini e dipendenti comunali, informare tempestivamente la cittadinanza. Fra gli atti principali di indirizzo del consesso, sono state approvate tre mozioni.

La prima, presentata in aula dalla presidente del Consiglio Comunale Elisa Parenti a nome di tutti i gruppi politici e in seguito approvata all’unanimità, aveva per tema la “dichiarazione di emergenza climatica ed ambientale”. L’atto consiliare “impegna Sindaco e la Giunta a predisporre iniziative specifiche che vadano nella direzione del contrasto al cambiamento climatico, della promozione dei principi dell’economia circolare, del potenziamento delle forme di partecipazione civica per la promozione del diritto umano al clima e “Giustizia Climatica”. Fra gli strumenti che si propone di attuare “l’inserimento di strumenti di premialità” per i partecipanti a bandi pubblici che utilizzino pratiche sostenibili, informare gli esercenti e le associazioni di categoria delle opportunità del “Decreto Clima” sulla diffusione di prodotti sfusi, incentivare la mobilità dolce e le iniziative di pedonalizzazione dei centri, dare diffusione con i mezzi del Comune di dati complessivi ed indicatori di qualità ambientale, di raccolta rifiuti, e di controlli. La mozione chiede poi di “attivare un programma sperimentale di riforestazione, con riguardo particolare alle aree con necessità di interventi di messa in sicurezza e manutenzione del suolo, per favorire la tutela ambientale e paesaggistica e contrastare il dissesto idrogeologico”; Infine si chiede di “elaborare il percorso amministrativo più adeguato, al fine di predisporre entro 6 mesi il “Forum Agenda ONU 2030”, ovvero un incubatore di idee in cui coinvolgere cittadini, associazioni e imprese allo scopo di condividere, costruire e proporre sul territorio formiginese soluzioni alle criticità ambientali in linea con i 17 obiettivi di sostenibilità proposti dall’ONU”. Parimenti sempre nella giornata di ieri la Giunta comunale ha approvato una delibera di “dichiarazione simbolica di emergenza climatica e ambientale” con cui si aderisce all’allarme lanciato dai movimenti giovanili sulla pericolosità delle conseguenze dei cambiamenti climatici, invitando il governo alla riformulazione dei programmi di politica ambientale ed energetica in funzione della tutela del diritto al clima. Fra gli atti proposti dai gruppi, approvate anche altri due atti: “Sicurezza nella Provincia di Modena – Mozione per l’elevazione di fascia della Questura di Modena e commissariati distaccati”, nonché il testo “mozione per il contrasto alla diffusione della cimice marmorata asiatica”. Oggetto della seduta anche la discussione di tre fra interpellanze e interrogazioni (a tema transito mezzi pesanti a Magreta e stazioni di Casinalbo e Formigine), e l’approvazione di tre delibere: le modifiche al regolamento dei mercati a cadenza settimanale, il piano di coordinamento per l’attuazione del polo estrattivo 5 Pederzona e relativa convenzione attuativa (in conseguenza degli atti già approvati dal Consiglio comunale nel 2011), il regolamento per il vestiario della Polizia Locale.