» Modena » Festival della Fiaba: al via domani all’insegna dell’arte il secondo fine settimana al Complesso San Paolo

Festival della Fiaba: al via domani all’insegna dell’arte il secondo fine settimana al Complesso San Paolo


Ancora conferenze, spettacoli, performance, concerti, mostre d’arte visiva e narrazioni di fiabe in voce semplice: dopo il successo del primo fine settimana prosegue per altri cinque giorni la quinta edizione del Festival della Fiaba, che da domani e fino a domenica 17 giugno torna nei Cortili del Complesso San Paolo a Modena. Il tema di quest’anno è la “Volontà”, declinata in numerose iniziative a ingresso gratuito, come l’accesso al Festival, mentre gli spettacoli hanno un biglietto dal costo variabile e la prenotazione è obbligatoria chiamando il 328 7814093.

Domani mercoledì 13 giugno la manifestazione prende il via alle ore 20.00 con l’apertura delle Botteghe degli artigiani – anima pulsante del Festival – che accolgono il pubblico nel Cortile Caselle a loro dedicato, accanto al Punto Ristoro a cura del Filatoio, per mostrare il “fare”, inteso come momento in cui si realizza ciò che prima era un sogno, un’idea e un pensiero immateriale. Alle 20.30 l’artista funambola Rosita Lioy dialogherà con opere di Paolo Franzoso in uno spettacolo fatto di equilibri, perché a volte la volontà è anche solo quella di “restare in piedi”. Nella Sala del Refettorio quindi, circondata dalle sperimentazioni innovative e anticonvenzionali dell’artista veneto, l’acrobata camminerà sui tacchi a spillo sopra a colli di bottiglie di Champagne, lasciandosi “ubriacare di felicità” dalle opere in mostra selezionate dal curatore Marco Bertoli.
A partire dalle ore 21.30 appuntamento nel Cortile del Leccio con “Senza Luce”, spettacolo con Giulio Costa e la regia di Michele Collina. Per trovare se stessi, spesso, non basta solo un atto di volontà. Nella vasta produzione di Luigi Bernardi i monologhi teatrali sembrano rappresentare un punto di arrivo nel quale l’autore prende direttamente la parola e tira le somme tanto sui temi a lui cari, ciò che spinge l’uomo al crimine, l’intercambiabilità nel rapporto vittima/carnefice, l’inesorabile lucidità del ragionamento di chi, commesso un misfatto, sembra voler dire: “potrebbe accadere a chiunque”, quanto sull’attività di scrittore, sulla ricerca e il potere della parola, sulla problematicità del farsi testimone e di eventi e riferirli. Il protagonista è sia un narratore, sia assassino. Il suo ragionare a voce alta è un’elucubrazione glaciale su un percorso esistenziale che conduce una vittima a farsi carnefice, ma pure una speculazione sul senso profondo del narrare e del narrarsi.
Alle ore 22.30 è poi la volta, nel Cortile del Banano, della video proiezione “Janas”, relativa al progetto di Stefania Bandinu dedicato alle tessitrici della Sardegna che passano la loro vita davanti al telaio intrecciando fili colorati, storie, passione e fatica, tra tradizione e innovazione. Il soggetto e la sceneggiatura sono a cura della Bandinu e di Giorgia Boldrini. Alle musiche ha collaborato anche Paolo Fresu, in una produzione Carta Bianca.
Anche la prima giornata del secondo week end di Festival si conclude con le fiabe, quelle della tradizione – tedesche, norvegesi e russein particolare – ma, per la prima volta quest’anno, anche le fiabe italiane di Basile e Calvino. Rigorosamente narrate in voce semplice, dalle ore 21.30 alle 23.30, nella cappella della Chiesa di San Bartolomeo, un luogo prezioso, intimo, per un massimo di trenta uditori: da Faccia di Capra a Il Dimezzato, a La fortuna di Hans, perché fino al diciassettesimo secolo le fiabe venivano raccontate tra adulti, diventando la principale forma di incontro e condivisione. Il Festival della Fiaba infatti è una manifestazione rivolta prevalentemente a un pubblico adulto, perché le fiabe nascono per gli adulti, ma i bambini saranno accolti con un appuntamento pensato esclusivamente per loro domenica 17 giugno.
Infine spazio anche al gusto, che ha un ruolo chiave all’interno del Festival: dalle ore 20.00 sarà infatti attivo anche il punto ristoroa cura della cucina del Filatoio- il circolo culturale sede del Festival della Fiaba – in cui si andrà a creare il foyer del teatro. Un luogo per un momento conviviale dove condividere un’esperienza, magari incontrando l’artista che si è appena esibito per uno scambio arricchente.

Il Festival della Fiaba gode del Patrociniodella Regione Emilia Romagna e del Comune di Modena, oltre che dell’Università di Bologna, dipartimento di Scienze dell’Educazione.

Tutte le conferenze, come l’accesso al Festival, sono a ingresso gratuito, mentre gli spettacoli hanno un biglietto dal costo variabilee la cui prenotazione è obbligatoriachiamando il numero 328 7814093.Al Festival della Fiaba si accede da via Caselle 24

Per informazioni, costi degli spettacoli e dettagli sul programma:www.festivaldellafiaba.com


» Modena » Festival della Fiaba: al via domani all’insegna dell’arte il secondo fine settimana al Complesso San Paolo

Festival della Fiaba: al via domani all’insegna dell’arte il secondo fine settimana al Complesso San Paolo


Ancora conferenze, spettacoli, performance, concerti, mostre d’arte visiva e narrazioni di fiabe in voce semplice: dopo il successo del primo fine settimana prosegue per altri cinque giorni la quinta edizione del Festival della Fiaba, che da domani e fino a domenica 17 giugno torna nei Cortili del Complesso San Paolo a Modena. Il tema di quest’anno è la “Volontà”, declinata in numerose iniziative a ingresso gratuito, come l’accesso al Festival, mentre gli spettacoli hanno un biglietto dal costo variabile e la prenotazione è obbligatoria chiamando il 328 7814093.

Domani mercoledì 13 giugno la manifestazione prende il via alle ore 20.00 con l’apertura delle Botteghe degli artigiani – anima pulsante del Festival – che accolgono il pubblico nel Cortile Caselle a loro dedicato, accanto al Punto Ristoro a cura del Filatoio, per mostrare il “fare”, inteso come momento in cui si realizza ciò che prima era un sogno, un’idea e un pensiero immateriale. Alle 20.30 l’artista funambola Rosita Lioy dialogherà con opere di Paolo Franzoso in uno spettacolo fatto di equilibri, perché a volte la volontà è anche solo quella di “restare in piedi”. Nella Sala del Refettorio quindi, circondata dalle sperimentazioni innovative e anticonvenzionali dell’artista veneto, l’acrobata camminerà sui tacchi a spillo sopra a colli di bottiglie di Champagne, lasciandosi “ubriacare di felicità” dalle opere in mostra selezionate dal curatore Marco Bertoli.
A partire dalle ore 21.30 appuntamento nel Cortile del Leccio con “Senza Luce”, spettacolo con Giulio Costa e la regia di Michele Collina. Per trovare se stessi, spesso, non basta solo un atto di volontà. Nella vasta produzione di Luigi Bernardi i monologhi teatrali sembrano rappresentare un punto di arrivo nel quale l’autore prende direttamente la parola e tira le somme tanto sui temi a lui cari, ciò che spinge l’uomo al crimine, l’intercambiabilità nel rapporto vittima/carnefice, l’inesorabile lucidità del ragionamento di chi, commesso un misfatto, sembra voler dire: “potrebbe accadere a chiunque”, quanto sull’attività di scrittore, sulla ricerca e il potere della parola, sulla problematicità del farsi testimone e di eventi e riferirli. Il protagonista è sia un narratore, sia assassino. Il suo ragionare a voce alta è un’elucubrazione glaciale su un percorso esistenziale che conduce una vittima a farsi carnefice, ma pure una speculazione sul senso profondo del narrare e del narrarsi.
Alle ore 22.30 è poi la volta, nel Cortile del Banano, della video proiezione “Janas”, relativa al progetto di Stefania Bandinu dedicato alle tessitrici della Sardegna che passano la loro vita davanti al telaio intrecciando fili colorati, storie, passione e fatica, tra tradizione e innovazione. Il soggetto e la sceneggiatura sono a cura della Bandinu e di Giorgia Boldrini. Alle musiche ha collaborato anche Paolo Fresu, in una produzione Carta Bianca.
Anche la prima giornata del secondo week end di Festival si conclude con le fiabe, quelle della tradizione – tedesche, norvegesi e russein particolare – ma, per la prima volta quest’anno, anche le fiabe italiane di Basile e Calvino. Rigorosamente narrate in voce semplice, dalle ore 21.30 alle 23.30, nella cappella della Chiesa di San Bartolomeo, un luogo prezioso, intimo, per un massimo di trenta uditori: da Faccia di Capra a Il Dimezzato, a La fortuna di Hans, perché fino al diciassettesimo secolo le fiabe venivano raccontate tra adulti, diventando la principale forma di incontro e condivisione. Il Festival della Fiaba infatti è una manifestazione rivolta prevalentemente a un pubblico adulto, perché le fiabe nascono per gli adulti, ma i bambini saranno accolti con un appuntamento pensato esclusivamente per loro domenica 17 giugno.
Infine spazio anche al gusto, che ha un ruolo chiave all’interno del Festival: dalle ore 20.00 sarà infatti attivo anche il punto ristoroa cura della cucina del Filatoio- il circolo culturale sede del Festival della Fiaba – in cui si andrà a creare il foyer del teatro. Un luogo per un momento conviviale dove condividere un’esperienza, magari incontrando l’artista che si è appena esibito per uno scambio arricchente.

Il Festival della Fiaba gode del Patrociniodella Regione Emilia Romagna e del Comune di Modena, oltre che dell’Università di Bologna, dipartimento di Scienze dell’Educazione.

Tutte le conferenze, come l’accesso al Festival, sono a ingresso gratuito, mentre gli spettacoli hanno un biglietto dal costo variabilee la cui prenotazione è obbligatoriachiamando il numero 328 7814093.Al Festival della Fiaba si accede da via Caselle 24

Per informazioni, costi degli spettacoli e dettagli sul programma:www.festivaldellafiaba.com





Linea Radio Multimedia srl - P.Iva 02556210363 - Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Sassuolo2000.it - Reg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 - Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
• Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine
© 2018 · RSS ·
15 query in 0,430 secondi