» Carpi » On the road: a Carpi il pranzo di restituzione del campo di volontariato a Crotone

On the road: a Carpi il pranzo di restituzione del campo di volontariato a Crotone


Quindici ragazze e ragazzi, tra i 18 e i 27 anni: questo il gruppo di giovani residenti sul territorio delle Terre d’Argine che, dal 22 al 30 luglio 2017 si è recato a Crotone per prendere parte al campo di volontariato e impegno civile Estate Liberi!, promosso dal Presidio Libera ‘Peppe Tizian’ di Carpi in collaborazione con il Coordinamento regionale Emilia-Romagna di Libera, il patrocinio del Comune di Carpi e il sostegno della Fondazione Casa del Volontariato, ente strumentale della Fondazione CR Carpi.

Concepito non solo per far vivere loro un’esperienza significativa a contatto con quelle realtà del Terzo settore che operano in favore della legalità in territori complessi, ma anche per dargli modo, una volta ritornati sul territorio, di poter farsi testimoni di tali esperienze tra i coetanei e più in generale nella comunità, i giovani partecipanti al Campo di volontariato restituiranno la loro intensa settimana a Crotone nel corso di On the road, un pranzo che si svolgerà domenica 18 febbraio a partire dalle ore 12.30 presso il Circolo Kalinka di via Tassoni, a Carpi.

Il percorso proposto ai giovani è stato finalizzato a renderli sensibili alle tematiche sociali più attuali, quali l’immigrazione, le situazioni di emarginazione, le condizioni di degrado sociale e ambientale, oltre che al fenomeno della criminalità organizzata in ogni sua sfaccettatura. I coordinatori del campo hanno cercato di far comprendere le dinamiche di certi rapporti socio-culturali del territorio, proponendo al contempo strategie differenti per fronteggiarle. La settimana è stata densa, da un lato, di racconti e testimonianze personali, dall’altro, di esperienze pratiche.

Durante una cena interculturale con ragazzi immigrati accolti da una cooperativa sociale, uno di loro ha avuto l’occasione di narrare i momenti più drammatici del proprio viaggio.

Nei giorni successivi l’attenzione è poi stata posta sulle risposte concrete apprestate dagli operatori sociali, osservando il modo in cui le cooperative offrono alle persone più indigenti un servizio di approvvigionamento di beni di prima necessità. Un’iniziativa originale, alla quale a turno hanno preso parte piccoli gruppi di ragazzi, è rappresentata dal ‘Camper della speranza’, che consiste nella raccolta di alimenti in esubero degli esercizi commerciali della zona e della loro redistribuzione a chi si trova in difficoltà al momento del pasto serale.

Una giornata intera, inoltre, è stata dedicata alla visita di ‘Agorà’, una comunità autogestita da ragazzi con problemi di tossicodipendenza.

Durante gli incontri pomeridiani e serali il gruppo ha poi ascoltato le testimonianze di persone toccate a vario titolo dal fenomeno mafioso: il giornalista Bruno Palermo e l’ex sindaco di Isola Capo Rizzuto Carolina Girasole hanno analizzato le difficoltà che i professionisti della zona incontrano nella lotta quotidiana alla criminalità organizzata per cercare di muoversi entro i parametri della legalità; cittadini comuni come la signora Anna, l’imprenditore Rocco e i genitori del piccolo Gabriele hanno invece trasmesso con parole semplici ma estremamente profonde il dolore creato dalla sopraffazione e dall’omertà diffusa nella comunità intrisa di relazioni criminali.

Infine è stata concessa ai ragazzi la possibilità di prendere parte al funerale di una ragazza immigrata giunta in Italia, vittima di soprusi e violenze, e non sopravvissuta al parto.

Queste e altre esperienze, insieme alle emozioni e alle riflessioni da esse scaturite, saranno raccontate nel pranzo al Circolo Kalinka direttamente dalla bocca di chi vi ha preso parte.

“Il messaggio – spiega Martina Nardini, una delle partecipanti al Campo – è stato chiaro: solo se ognuno è disposto a mettere in secondo piano gli impulsi egoistici e il proprio tornaconto personale e a denunciare le ingiustizie subite, attivandosi per combatterle insieme giorno dopo giorno, il contrasto alla criminalità organizzata e al declino sociale darà i suoi frutti.”

Per partecipare al pranzo – al costo di 17 euro per gli adulti e 12 per i bambini al di sotto dei 13 anni – è obbligatoria la prenotazione al 347.1579375 o al 392.1912523.

 

Per maggiori informazioni consultare il sito www.casavolontariato.org e la pagina Facebook Fondazione Casa del Volontariato.

 

 





Linea Radio Multimedia srl - P.Iva 02556210363 - Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Sassuolo2000.it - Reg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 - Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
• Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine
© 2018 · RSS ·
13 query in 0,465 secondi